Recensione- Sem di Gianluigi Gasparri

Buuuuuuon giorno leeeeettoooooori!
Tutto bene? Cosa mi raccontate? Io solite cose,mi sto ancora abituando all’idea che la scuola e’ iniziata e che ho meno tempo da dedicare alla lettura:/ ma comunque sia,da buona lettrice sono riuscita a terminare un altro libro e sono qui per parlarvene.

image

Autore: Gianluigi Gasparri
Prezzo: 12,90€
Pagine: 320 pag
Editore: Leone editore

Trama

Una sera di tempesta in una New York postmoderna si presenta nello studio del modesto avvocato Thomas Uterus uno spermatozoo iperevoluto di ventidue anni di nome Sem, che vuole fare causa a un suo fratello il quale, durante la corsa alla fecondazione, gli ha rubato il posto e quindi è nato al posto suo. Nel corso degli eventi Sem alza il tiro e chiede di essere riconosciuto non solo come essere vivente, ma come persona fisica, seppure mutante. La violenta reazione del potere sociopolitico contro la paura di una civiltà dominata dagli spermatozoi costringe il padre e gli amici a nascondere Sem in un laboratorio sotterraneo nell’isola di Flaherty, nella baia di Hudson, dove Sem vivrà in una sorprendente condizione.

Recensione
Thomas Uterus e’ un avvocato. Una sera mentre si trova nel suo studio sente suonare più volte il campanello ma ogni volta che esce a vedere chi e’ non trova nessuno,fino a quando vede Sem,uno spermatozoo. Sem fa visita a Thomas con il papà, entrambi vogliono fare causa a Sub ovvero il fratello di Sem,colui che gli ha rubato il posto e quindi e’ nato al posto suo. Vedremo però Sub come una persona diversa dagli umani,ci viene descritta come una persona grande di corporatura fin da piccolo, malvagio,egoista, insomma non un essere amorevole. Secondo voi l’avvocato Thomas riuscirà a portare Sem e il papà in causa? Senza che gli altri ridano di lui? Riusciranno a vincere la causa? Riuscirà Sem ad essere riconosciuto come una persona fisica seppure mutante?

Questo libro mi e’ piaciuto si e no. Diciamo che avrei preferito che alcune parti fossero state omesse,che alcune parti non fossero state cosi descrittive perché mi hanno un po’ annoiata,e’ un genere che non ho mai letto forse per questo non mi ha dato quello che mi aspettavo perché in realtà non sapevo nemmeno io che aspettarmi, mi e’ piaciuto perché e’ riuscito a farmi ridere e comunque sia ha farmi passare delle belle ore. Questo libro infatti secondo me e’ per chi ama stare allo scherzo per chi non ha paura dei paradossi.
L’autore scrive anche abbastanza bene, uno stile ironico ma non troppo ricco di battute. E’ il primo libro che leggo di quest’autore ma ho visto che ha scritto anche altri libri. Non so che altro dirvi in quanto non ho mai letto altri suoi libri e altri libri di questo genere quindi non ho termini di paragone.
E’ la prima volta da quando ho aperto il blog che un libro non mi piace al 100% giusto? Boh..
Capita anche se mi dispiace un sacco perché non mi piace parlare male di un libro(i miei amori*-*)

BEH . . .
A voi la trama insuriosisce? Lo leggerete? Magari ci potremmo confrontare.
Fatemi sapere le vostre impressioni.

A presto!

-Maria

Annunci

8 pensieri su “Recensione- Sem di Gianluigi Gasparri

  1. Roberto Gennari ha detto:

    Ciao, mi riferisco al libro “Sem”. Innanzitutto una questione di principio: i titolari dei blog s’intestano la qualifica di recensori, ma nella maggior parte dei casi sono semplici commentatori che hanno il diritto di dire mi piace/non mi piace però non sanno analizzare, comparare, criticare cioè non conoscono le basi della critica elementare. Questo libro è geniale per un semplice motivo: ha superato ogni limite del fantastico; di spermatozoi, di ovuli, di grandi corse alla fecondazione si sono occupati mille libri, mille film, mille fumetti, ma nessuno è arrivato a concepire uno spermatozoo che cita suo fratello che gli ha rubato il posto ed è nato al posto suo. Nessuno ha mai concepito l’idea di uno spermatozoo che si presenti in tribunale per reclamare non solo il diritto all’esistenza, ma il diritto di essere considerato persona fisica, problema di non poco conto perché al massimo Sem (intrepido protagonista) può essere considerato per metà uomo e per metà spermatozoo. Ci vogliono una fantasia senza freni e una buona conoscenza del diritto civile americano per imbastire un legal thriller in grado di avvincere il lettore.
    Lei non si è lasciata avvincere, però mi consenta di porre un problema: non si è lasciata avvincere per colpa dell’autore o non si è lasciata avvincere perché lei non ama questo genere di letteratura? Personalmente detesto il genere horror quindi mi guarderei bene dal leggere quel genere di libri e soprattutto eviterei di commentarli per un semplice fatto di onestà intellettuale. Personalmente considero “Sem” un grande libro e le assicuro che non sono il solo. Mi permetta una penultima considerazione: lei dice che Sem è l’unico libro che non le sia piaciuto fra quelli letti finora. Vista la discutibile qualità dei libri attualmente in circolazione, se tutti gli altri libri le sono piaciuti al 100%100 vuol dire che è stata fortunata oppure che la sua capacità di critica lascia un po’ a desiderare. Non per caso, gentile signora, quando lei scrive: ha ricopiato pari pari una frase delle anteprime, quindi si è formata un’opinione per delega. L’ultima considerazione riguarda l’altra frase che mi ha preoccupato nei confronti dell’autore. Difatti lei scrive che . Lei mi domanderà per quale motivo l’autore debba preoccuparsi. Glielo spiego con poche parole: le sue, quando dice che e poi . Gentilissima recensore, nella prima frase composta di sei righe è riuscita a piazzare due errori di ortografia: che richiede l’accento e non l’apostrofo, e che anch’esso bramerebbe l’accento; la seconda frase è andata un po’ meglio, perché su diciotto parole è riuscita a sbagliarne solo tre: due dei soliti accenti e un terzo clamoroso . Se fossi l’autore, sentirmi dire che secondo i suoi parametri scrivo mi farebbe accapponare la pelle. Non me ne voglia gentile signorina, la scrittura e la critica sono armi pericolose, dia una ripassata alla grammatica e vedrà che le recensioni andranno molto meglio.

    Mi piace

    • Roberto Gennari ha detto:

      Chiedo scusa, commento moderato da chi? Da lei? Le suggerirei di fare un esercizio di onestà intellettuale e accettare la critica, Semmai contesti quanto ho scritto. Il suo non è l’unico blog su cui sia possibile scrivere. Cordialmente Roberto

      Liked by 1 persona

    • Comenonsentirsisoli ha detto:

      Buon giorno,inizio con l’essere sincera nel dirti che questo libro mi e’ stato mandato dalla Casa Editrice per una possibile recensione e visto che io,sono una ragazza di soli 17 anni che ama leggere ho accettato di leggere questo libro anche se il genere non rispecchiava a pieno il mio. Volevo avvicinarmi anche a qualche altro genere ma poi mi sono resa conto che il libro non mi ha presa,quindi sono d’accordo con te per quanto riguarda ciò. Ti ringrazio per il consiglio sulla ortografia e mi scuso per gli errori. Ma voglio anche riferirti che sono una persona onesta,se il libro non mi e’ piaciuto del tutto non potevo certo affermare il contrario solo per farlo leggere agli altri!
      Felice giornata.
      Maria

      Mi piace

  2. Roberto Gennari ha detto:

    Infatti qui dimostri di essere una persona onesta. Ma nel momento in cui ti esponi, i tuoi 17 anni fanno tenerezza però non ti proteggono. Hai il diritto di gridare e ripetere al mondo che il libro non ti è piaciuto, Il problema è che la tua ingenuità e i tuoi svarioni ti mettono nella condizione di sentirti dire “ne supra crepidam, sutor”. Premetto che da sempre conosco e stimo Gianluigi perché naviga controcorrente in una società global, fra l’altro ex giornalista formidabile, cane sciolto, coraggioso ai confini della temerarietà, per cui io stesso posso non essere obiettivo. Tuttavia ti suggerirei di leggere una recensione sul blog Libero Volo scritta da una per me finora ignota Cinzia Cerani. Sai cosa scrive? Scrive: , cioè questo autore è fuori dal branco nel bene e nel male, ha una scrittura riconoscibile (significa personale, originale) ed è capace di pensare storie impensabili. Ti pare poco? Se hai la passione per le recensioni copia-incolla-e impara dalla Cerani come si fa. Detto con sincera simpatia, sincero apprezzamento per la tua onestà intellettuale (anche tu probabilmente fuori dal branco), sinceri auguri per i tuoi meravigliosi 17 anni, tienili bene stretti, durano poco ma ti restano per sempre. Roberto

    Liked by 1 persona

  3. Comenonsentirsisoli ha detto:

    Io non ho parlato assolutamente male del libro,anzi ho cercato di trovare le cose positive perché non mi piace giudicare un libro dicendo e’ brutto oppure e’ bello e classidicarlo,io non sono nessuno per farlo ma possono dire se a me e’ piaciuto oppure no ma resta comunque un opinione personale. Comunque sia dispiace a me per prima se non sono riuscita ad avvicinarmi di più allo scrittore o viceversa.
    Poi scusa, ma copia e incolla cosa? Dov’e che ho copiato? E sopratutto da chi?
    Maria

    Mi piace

    • Roberto Gennari ha detto:

      Per quanto mi riguarda dirò un paio di cose e poi stop. Non ha senso dibattere con una ragazza che gestisce un microblog e allo stesso tempo fa da moderatrice cioè elimina tutto quello che la mette in crisi. Non parlo di onestà, ma di correttezza. Lei non può eliminare nulla senza segnalare l’omissis, altrimenti una eventuale censura può trasmutarsi –oplà – in un applauso o in un incomprensibile minestrone. La parte comica di questa gestione sta nel fatto che lei, per lo più, ha eliminato frasi che lei stessa aveva scritto e che mettevano a nudo le carenze della sua cosiddetta recensione. Lei dice che l’ho accusata di copiare, è vero l’esatto contrario: io le ho consigliato di ricopiare recensioni di veri recensori per imparare come si fa. Del resto, come si copia lei lo sa bene: nella sua prima sortita lei ha scritto: che è la stessa identica frase (con l’aggiunta di un “infatti”) che compare su un’anteprima”di Sem) quindi deve essere stato il suo avatar ad aver copiato e per correttezza lei lo ha accuratamente “moderato”, pussa via! Poi lei dice: . Ah, allora deve essere il suo avatar ad aver scritto sulla la sua “recensione” queste esatte parole: , mi raccomando, una bella moderatina anche qui, con sfumatura alta.
      Con onestà e correttezza, naturalmente. Chiudo e butto via la chiave

      Liked by 1 persona

      • Comenonsentirsisoli ha detto:

        Infatti io non sto di certo affermando che sono una ragazza con un grande blog ecc ecc.. scrivo semplicemente quello che penso sui vari libri che leggo. Moderatrice? Guarda che io accetto i commenti di tutti sia i positivi che negativi infatti come vedi ho accettato anche il tuo quindi non modero proprio niente! E’ il “Programma” wordpless che funziona cosi. Lei mi consiglia di copiare altre recensioni per imparare a farle? Beh grazie mille,lo farò cosi le mie recensioni non saranno altro che opinioni altrui. Ma dai per favore!
        Grazie mille 🙂
        Felice giornataaa

        Mi piace

  4. rachele galanti ha detto:

    Fai proprio pena, piccola presuntuosa ! Impara a leggere e non a criticare: non ne hai le capacità. Soprattutto non eliminare parti di quello che Roberto ti ha scritto (ho stampato il suo scritto integrale) che certamente non ti fanno comodo, rendendo oltretutto incomprensibile il testo. E saresti corretta e intellettualmente onesta? Ma fammi il piacere. Ora taglia anche questo: so che ne sei capace. Un’altra cosa: le tue come quelle dei tuoi pari non sono recensioni ma commenti, comincia perciò a chiamarle con appropriatezza di termini e cioè commenti.
    Rachele

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...